Con ordinanza depositata in data 29 luglio 2020 la Corte di Appello di Catanzaro ha dichiarato la non esecutività della sentenza emessa dalla medesima corte territoriale in data 7 marzo 2013 disponendo nuova notifica dell’estratto contumaciale e sospendendo l’ordine di esecuzione con immediata liberazione del condannato.