La Corte di Appello di Roma, con sentenza del 14 gennaio 2021, ha rifiutato l’estradizione verso l’Ucraina di un imprenditore di etnia russa per il rischio concreto di violazione dell’art. 3 CEDU.