Con sentenza del 3 aprile 2019 la Corte di Assise di Appello di Milano, in riforma della sentenza del Gup di Varese che aveva condannato l’imputato all’ergastolo per il reato di omicidio volontario, assolve il predetto per non aver commesso il fatto.